Crea sito
 
26/06/2014
   

Specola vaticana

SPECOLA VATICANA

Il Papa incontra un gruppo di giovani astronomi partecipanti al corso organizzato dalla Scuola di Astrofisica della Specola vaticana

MICHELANGELO NASCA
ROMA

Vedendo i vostri volti, ha detto papa Francesco incontrando i giovani astronomi partecipanti al Corso estivo organizzato dalla Scuola di Astrofisica della Specola Vaticana, “mi sembra di ammirare un mosaico che comprende popoli di ogni parte del mondo. È giusto che tutti i popoli abbiano accesso alla ricerca e alla formazione scientifica. L’auspicio che tutti i popoli possano godere dei benefici della scienza è una sfida che ci impegna tutti, specialmente gli scienziati”.

La Specola vaticana è una delle più antiche istituzioni di ricerca astronomiche del mondo direttamente dipendente dalla Santa Sede. La sua origine risale alla seconda metà del secolo XVI.  Guidati da esperti professori, i giovani astronomi, che hanno partecipato al corso, si sono dedicati allo studio delle galassie e al confronto scientifico, condividendo le tradizioni e culture religiose di appartenenza. “Quanto più profondamente – diceva Pio XII nel febbraio 1948 ai soci della Pontificia Accademia delle Scienze – il cultore del sapere e della scienza spinge la sua indagine nelle meraviglie della natura, tanto più sperimenta la propria insufficienza a penetrare ed esaurire la ricchezza del concetto della costruzione divina e delle leggi e norme che la governano”.

Papa Francesco ha accolto con grande interesse i docenti e gli allievi del Corso estivo organizzato dalla Specola Vaticana, sul tema “Galassie: vicine e lontane, giovani e vecchie”; una scuola internazionale, questa, che riunisce professori e alunni provenienti da tutte la parti del mondo, nell’affascinante e difficile compito di studiare l’universo. “Questa iniziativa – ha osservato il Pontefice – semplice e concreta mostra come le scienze possano essere uno strumento adatto ed efficace per promuovere la pace e la giustizia. Anche per questo la Chiesa è impegnata nel dialogo con le scienze a partire dalla luce offerta dalla fede, poiché è convinta che la fede può allargare le prospettive della ragione, arricchendola”.

La Scuola di Astrofisica della Specola vaticana diventa così un’opportunità per i giovani che, attraverso lo studio scientifico dell’universo, si pongono alla ricerca delle verità scientifiche e offrono un contributo alla conoscenza e alla cultura del nostro tempo. Un binomio – scienza, fede – più volte messo a tema da Giovanni Paolo II: “La verità – scriveva il Pontefice polacco nella Lettera a Padre George V. Coyne, direttore della Specola vaticana, nel giugno dell’88 – è che la Chiesa e la comunità scientifica verranno a contatto inevitabilmente; le loro opzioni non comportano isolamento. I cristiani non potranno non assimilare le idee prevalenti riguardanti il mondo, idee che oggi vengono influenzate profondamente dalla scienza. Il solo problema è se essi lo faranno con senso critico o senza riflettervi, con profondità ed equilibrio o con la superficialità che avvilisce il Vangelo e ci fa vergognare di fronte alla storia. Gli scienziati, come tutti gli esseri umani, dovranno prendere decisioni su ciò che in definitiva dà senso e valore alla loro vita e al loro lavoro; faranno questo bene o male, con quella profondità di riflessione che si acquista con l’aiuto della sapienza teologica, o con una sconsiderata assolutizzazione delle loro conquiste al di là dei loro giusti e ragionevoli limiti”.

Anche papa Francesco, nel corso dell’udienza, ha incoraggiato i giovani astronomi a seguire il dialogo tra la scienza e la fede: “La Chiesa si rallegra del mirabile progresso scientifico riconoscendo l’enorme potenziale che Dio ha dato alla mente umana, come una madre si rallegra ed è giustamente orgogliosa quando i suoi figli crescono ‘in sapienza, età e grazia’ (Lc 2,52)”. Il Papa, inoltre, ha invitato i partecipanti al corso a condividere le conoscenze acquisite sull’universo con i propri connazionali; “Solo una piccolissima parte della popolazione mondiale – ricorda Francesco – ha accesso a tali conoscenze, che aprono il cuore e la mente ai grandi interrogativi che l’umanità da sempre si pone: Da dove veniamo? Dove andiamo? Che senso ha questo universo di centomila milioni di galassie?… La ricerca di risposte a queste domande ci predispone all’incontro con il Creatore, Padre buono, poiché ‘in lui viviamo, ci muoviamo ed esistiamo’ (At 17,28)”. 

Print Friendly

Comments are closed.

 

Archivi



Flag Counter


181 Totale visite