Crea sito

Lo Straniero – Il blog di Antonio Socci

 

 

(Inaudite) cronache vaticane

Posted: 22 Dec 2014 02:23 PM PST

( 1 )

GLI “AUGURI” (A SCHIAFFI) DI BERGOGLIO ALLA CURIA

.

E’ noto che lo sport prediletto di papa Bergoglio è bastonare i cattolici.
Tanto è timido e accondiscendente con gli avversari (che siano islamici o laicisti, che siano colonnelli argentini o comunisti) quanto è implacabile con i cristiani.
Ha cominciato “sistemando” così i suoi predecessori:
“I Capi della Chiesa spesso sono stati narcisi, lusingati e malamente eccitati dai loro cortigiani. La corte è la lebbra del papato» (la Repubblica, 1 ottobre 2013).
A noi sembra che oggi lo stuolo di adulatori e cortigiani sia immensamente più vasto, servile e soffocante che nel passato, del resto negli anni scorsi i pontefici (uomini santi), oltre alle opposizioni interne, hanno dovuto sopportare la durissima ostilità del mondo. Hanno vissuto una vera Via Crucis. E questa è la prova dell’autenticità.
Ma papa Bergoglio non è molto propenso a praticare l’autocritica, pur consigliandola agli altri.
Infatti la fa fare quotidianamente a vescovi, cardinali e fedeli, randellati pressoché tutti i giorni, specie nelle omelie di Santa Marta.
Oggi è stata la volta della Curia che – nella tradizionale cerimonia degli auguri – ha bastonato a più non posso.
Ha cominciato dicendo che è “una Curia che non fa autocritica, che non si aggiorna, che non cerca di migliorarsi”, ha aggiunto che “è un corpo infermo”.
Poi ha evocato sarcasticamente la visita ai cimiteri dove ci sono tanti che “forse pensavano di essere immortali, immuni e indispensabili!”. Ha spiegato che è la malattia di coloro che “si trasformano in padroni e si sentono superiori a tutti”, malattia che “deriva spesso dalla patologia del potere, dal ‘complesso degli Eletti’, dal narcisismo”.
E’ andato avanti con questi simpatici complimenti per un bel po’…
In alcuni incontri personali di questi mesi ha pure invitato il suo interlocutore (dopo averlo randellato) a correggersi prendendo esempio da lui, cioè ha indicato se stesso come modello…
Oggi ha detto ai suoi ascoltatori che rischiano “un declino progressivo delle facoltà spirituali” che “causa gravi handicap alla persona” facendola vivere in “uno stato di assoluta dipendenza dalle sue vedute spesso immaginarie” e in una dipendenza dalle proprie “passioni, capricci e manie”.
Naturalmente papa Bergoglio sa bene che tutte queste gravi situazioni riguardano anche i prelati delle altre Curie, per esempio quelle argentine e sudamericane, che forse dovrebbero fare un’autocritica più pesante considerato il disastroso crollo in corso da decenni della fede cattolica in quel subcontinente.
Ma di questo papa Bergoglio non ama parlare. Anzi, in più occasioni ha mostrato di voler proporre proprio il “modello sudamericano” come stile di governo.
Sprezzante con i riti e i simboli della Chiesa Cattolica romana (cominciò il giorno della sua elezione, definendo “carnevalata” la mozzetta che doveva indossare come simbolo del martirio di Pietro), si è compiaciuto dello spettacolo imbandito la settimana scorsa in piazza San Pietro per il suo compleanno: centinaia di ballerini di tango che si sono esibiti…
Tutto questo va di pari passo con uno stile di governo che – stando a quanto riferiscono gli addetti ai lavori (e a quanto si nota dall’esterno) – fa regnare oltretevere un clima di autentico terrore (vedi articolo sottostante).
Che dire? Eviterò di fare commenti.
Solo voglio confessare che mi mancano infinitamente l’umiltà, la mitezza e la saggezza di Benedetto XVI e mi mancano il carisma e la grandezza d’animo di Giovanni Paolo II.

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/guerra-francesco-ai-cardinali-rimozioni-e-sostituzioni-1077782.html

( 2 )

SCONCERTANTE…..

.

Come sa chi conosca la tragica situazione di Asia Bibi, arrivare a parlare con questa povera donna è pressoché impossibile.
Così sabato mi sono stupito che “Vatican insider” lanciasse una sua intervista “esclusiva”. Uno scoop davvero mirabolante, mi sono detto.
Solo che se poi sono andato a leggere e non sapevo più se mettermi a ridere o a piangere.
Intanto si apprende subito che il giornalista di “Vatican insider” non ha incontrato né intervistato direttamente Asia Bibi, ma ha avuto le risposte tramite la “Renaissance Education Foundation di Lahore” che – dice – “si occupa oggi della sua famiglia e dell’assistenza legale”.
Dunque non si tratta di un’intervista raccolta direttamente dal giornalista.
Sono parole che quella “Fondazione” attribuisce ad Asia Bibi. Sono parole che a me sembrano surreali (parla come un libro stampato).
Ma giudichi ognuno per suo conto.
Secondo quanto si legge su “Vatican insider” sapete quel è l’unico bersaglio contro cui si scaglia questa povera donna che da cinque anni è stata strappata alla famiglia, ai cinque figli piccoli, rinchiusa in una lercia galera e condannata a morte?
Provate a indovinare.
Credete che possa avercela con quelle “brave musulmane” che l’hanno denunciata e immolata perché lei – che è cristiana – aveva osato bere allo stesso loro bicchiere?
Ma no!
Pensate che protesti contro la famigerata legge sulla blasfemia che in Pakistan, in pratica, commina la pena a morte a qualunque cristiano confessi la sua fede?
Nient’affatto.
Allora ritenete che Asia Bibi esprima il suo dolore per le sue disumane condizioni di detenzione, da cinque anni chiusa in una lercia e buia stanzetta senza aria?
Neanche per idea.
Forse voi allora immaginate che possa avercela con chi la sottopone da cinque anni a torture morali e fisiche, a sofferenze disumane, a minacce e umiliazioni?
Ebbene no.
Credete che ce l’abbia con i giudici che l’hanno fatta rinchiudere strappandola ai figli, che poi l’hanno condannata a morte in primo grado e poi in appello con due processi farsa, vergognosi e privi di ogni regolarità?
Ma nooo… niente di tutto questo! Non sono tali “quisquilie” che angustiano Asia Bibi, secondo “Vatican insider”.
Tanto meno – ovviamente! – ella è amareggiata perché i suoi appelli al papa non hanno neanche avuto risposta e perché il Capo della Chiesa, che l’ha sempre ignorata, non ha mosso un dito per lei né ha invitato a pregare per lei, ed è andato piuttosto a pregare in una moschea, indirizzando ai cari amici musulmani tanti messaggi di calorosi auguri di buon Ramadan…
Nooo. Non è certo di queste cose che Asia Bibi si rammarica. Queste son tutte cose belle e piacevoli, come chiunque può capire….
Dunque a giudicare dalla favolosa intervista di “Vatican insider” i bersagli contro cui Asia Bibi si scaglia sono “coloro che strumentalizzano il mio nome per il proprio tornaconto personale”.
Questo sarebbe ciò che l’angustia. Dobbiamo pensare davvero che ce l’abbia con coloro che si battono per lei, per liberarla, arrivando a dire loro: “lasciatemi in pace”?
Ora, io non so se in Pakistan c’è qualcuno che ha un tornaconto a “strumentalizzare” il nome di Asia Bibi. Ma so che di sicuro non siamo noi che denunciamo il dramma di Asia Bibi, noi che lanciamo appelli per questa povera donna e che siamo quattro gatti ignorati da tutti.
Poiché noi siamo stati ringraziati in passato, da lei e dai suoi, siamo tranquilli, con la coscienza a posto, e non riteniamo che Asia Bibi abbia mai rivolto a noi quell’attacco.
Anche se – a leggere la titolazione di Vatican insider (“Dio perdoni chi mi strumentalizza”) – sembrerebbe quasi che a doversi vergognare non sia chi tortura Asia Bibi e la vuole uccidere, ma noi che non la dimentichiamo e non l’abbandoniamo.
Ora veniamo al contenuto cosicché possiamo valutare bene questo mirabolante scoop. Sono risposte a dir poco sorprendenti…
Ecco la prima domanda-risposta dell’intervista a Vatican insider:
“D. Asia, com’è la sua salute e quali sono le sue condizioni in carcere?
R. Mi sento piuttosto bene, sto bene nel nome di Cristo, per quello che può essere una vita in prigione. In carcere si prendono cura di me e mi trattano bene credo anche perché il mio caso è noto a livello internazionale”.
Si resta basiti. A leggere “Vatican insider” sembra quasi che Asia Bibi stia in un Hotel a 5 stelle.
Sarà vero? Giudicate voi.
Ecco come, a una domanda analoga, rispondeva, pochi giorni fa, personalmente, Sardar Mushtaq Gill, l’avvocato di Asia Bibi, intervistato in Italia da “Tempi”:
“D. Asia Bibi è pronta a scontare altri due anni di carcere?
R. Suo marito l’ha incontrata settimana scorsa e l’ha trovata molto depressa. Quando le hanno detto che l’Alta corte aveva rigettato l’appello si sentiva frustrata, non capiva e ha perso ogni fiducia nei giudici. Sta male anche fisicamente e inizia a manifestare qualche problema di ordine psicologico. La sua prigione purtroppo è peggiore delle altre.
D. Perché?
R. Per lei è un doppio supplizio. La prigione è già una punizione in sé ma lei è in isolamento, perché si teme che qualcuno possa assassinarla, come avvenuto in altri casi in carcere per gli accusati di blasfemia. La sua cella poi è piccolissima, non c’è luce naturale ed è molto buia”.

Obiettivamente la contraddizione è stridente, totale, assoluta.
Andiamo avanti.
Secondo Vatican insider, nell’intervista fatta pervenire da quella fondazione, Asia Bibi – che non ha una sola parola aspra per i suoi aguzzini – se la prenderebbe curiosamente con chi lotta per lei dicendo: “Chiedo a tutti coloro che stanno strumentalizzando il mio nome per i propri calcoli personali: per favore lasciatemi in pace”.
Che ve ne pare?
Questo singolare attacco (non si è mai vista una vittima, chiusa in una galera, prendersela con chi lotta per liberarla) è in totale contraddizione con quanto Asia Bibi stessa, pochi giorni fa, ha fatto pervenire al giornale francese Le Figaro e alle autorità di Parigi, tramite il marito Ashiq:
«Dalla mia piccola cella senza finestre i giorni e le notti si assomigliano, ma se ho ancora speranza è grazie a tutti voi. Il mio cuore si scalda ogni volta che Ashiq mi mostra le foto di persone che non conosco e che bevono un bicchiere d’acqua pensando a me».
«Ho saputo che la città di Parigi ci vuole – conclude Asia Bibi – e voglio ringraziare tutte le persone di Parigi e il sindaco. Voi siete la mia sola possibilità di non morire in fondo a questa cella di isolamento. Vi prego, non lasciatemi cadere. Non ho mai commesso un atto di blasfemia».
Ognuno può giudicare facilmente da se stesso…
Mi pare sensato che una condannata a morte si aggrappi a chi, fuori dal Pakistan, vuole liberarla.
Oltretutto anche nella stessa prima domanda-risposta di Vatican insider le si attribuiscono queste parole: “mi trattano bene credo anche perché il mio caso è noto a livello internazionale”.
Significherebbe che dunque è stato bene far conoscere il suo caso nel mondo. Quindi come può poi aver biasimato chi si batte per lei?
Anche il suo appello alle autorità francesi del resto è in totale contraddizione con quanto viene attribuito ad Asia Bibi da “Vatican insider” dove pare che essa chieda solo preghiere, quasi che fosse deplorevole attivarsi per la sua liberazione.
Ecco infatti la domanda-risposta finale su Vatican insider:
“D. Cosa vuol dire a Papa Francesco e ai cristiani in tutto il mondo?
R. A Papa Francesco e a tutti i cristiani del mondo dico: vi prego, ricordatevi di me nelle vostre preghiere”.
Non contenti di una simile surreale risposta, quelli di “Vatican insider” hanno voluto presentare l’intervista con un incipit del giornalista che, pretendendo di riassumere l’intervista stessa, scrive testualmente: “A Papa Francesco non chiede appelli pubblici ma preghiere”.
Ora, è pur vero che è un testo surreale, dove sembra che Asia Bibi parli come una villeggiante che cita continuamente la Bibbia, ma nemmeno in questa intervista lei arriva a dire che non vuole appelli pubblici del papa a suo favore.
Giudicate voi tutto questo…
Da parte mia questo è il mio pensiero: Povera Asia Bibi…. Nel giorno del giudizio più d’uno tremerà a sentir pronunciare il tuo nome dal supremo Giudice…

Foto: SCONCERTANTE</p><br /><br /><br /><br /><p>Come sa chi conosca la tragica situazione di Asia Bibi, arrivare a parlare con questa povera donna è pressoché impossibile.<br /><br /><br /><br /><br />Così sabato mi sono stupito che “Vatican insider” lanciasse una sua intervista “esclusiva”. Uno scoop davvero mirabolante, mi sono detto.<br /><br /><br /><br /><br />Solo che se poi sono andato a leggere e non sapevo più se mettermi a ridere o a piangere.<br /><br /><br /><br /><br />Intanto si apprende subito che il giornalista di “Vatican insider” non ha incontrato né intervistato direttamente Asia Bibi, ma ha avuto le risposte tramite la “Renaissance Education Foundation di Lahore” che – dice - “si occupa oggi della sua famiglia e dell’assistenza legale”.<br /><br /><br /><br /><br />Dunque non si tratta di un’intervista raccolta direttamente dal giornalista.<br /><br /><br /><br /><br />Sono parole che quella “Fondazione” attribuisce ad Asia Bibi. Sono parole che a me sembrano surreali (parla come un libro stampato).<br /><br /><br /><br /><br />Ma giudichi ognuno per suo conto.<br /><br /><br /><br /><br />Secondo quanto si legge su “Vatican insider” sapete quel è l’unico bersaglio contro cui si scaglia questa povera donna che da cinque anni è stata strappata alla famiglia, ai cinque figli piccoli, rinchiusa in una lercia galera e condannata a morte?<br /><br /><br /><br /><br />Provate a indovinare.<br /><br /><br /><br /><br />Credete che possa avercela con quelle “brave musulmane” che l’hanno denunciata e immolata perché lei – che è cristiana – aveva osato bere allo stesso loro bicchiere?<br /><br /><br /><br /><br />Ma no!<br /><br /><br /><br /><br />Pensate che protesti contro la famigerata legge sulla blasfemia che in Pakistan, in pratica, commina la pena a morte a qualunque cristiano confessi la sua fede?<br /><br /><br /><br /><br />Nient’affatto.<br /><br /><br /><br /><br />Allora ritenete che Asia Bibi esprima il suo dolore per le sue disumane condizioni di detenzione, da cinque anni chiusa in una lercia e buia stanzetta senza aria?<br /><br /><br /><br /><br />Neanche per idea.<br /><br /><br /><br /><br />Forse voi allora immaginate che possa avercela con chi la sottopone da cinque anni a torture morali e fisiche, a sofferenze disumane, a minacce e umiliazioni?<br /><br /><br /><br /><br />Ebbene no.<br /><br /><br /><br /><br />Credete che ce l’abbia con i giudici che l’hanno fatta rinchiudere strappandola ai figli, che poi l’hanno condannata a morte in primo grado e poi in appello con due processi farsa, vergognosi e privi di ogni regolarità?<br /><br /><br /><br /><br />Ma nooo… niente di tutto questo! Non sono tali “quisquilie” che angustiano Asia Bibi, secondo “Vatican insider”.<br /><br /><br /><br /><br />Tanto meno – ovviamente! – ella è amareggiata perché i suoi appelli al papa non hanno neanche avuto risposta e perché il Capo della Chiesa, che l’ha sempre ignorata, non ha mosso un dito per lei né ha invitato a pregare per lei, ed è andato piuttosto a pregare in una moschea, indirizzando ai cari amici musulmani tanti messaggi di calorosi auguri di buon Ramadan…<br /><br /><br /><br /><br />Nooo. Non è certo di queste cose che Asia Bibi si rammarica. Queste son tutte cose belle e piacevoli, come chiunque può capire….<br /><br /><br /><br /><br />Dunque a giudicare dalla favolosa intervista di “Vatican insider” i bersagli contro cui Asia Bibi si scaglia sono “coloro che strumentalizzano il mio nome per il proprio tornaconto personale”.<br /><br /><br /><br /><br />Questo sarebbe ciò che l’angustia. Dobbiamo pensare davvero che ce l’abbia con coloro che si battono per lei, per liberarla, arrivando a dire loro: “lasciatemi in pace”?<br /><br /><br /><br /><br />Ora, io non so se in Pakistan c’è qualcuno che ha un tornaconto a “strumentalizzare” il nome di Asia Bibi. Ma so che di sicuro non siamo noi che denunciamo il dramma di Asia Bibi, noi che lanciamo appelli per questa povera donna e che siamo quattro gatti ignorati da tutti.<br /><br /><br /><br /><br />Poiché noi siamo stati ringraziati in passato, da lei e dai suoi, siamo tranquilli, con la coscienza a posto, e non riteniamo che Asia Bibi abbia mai rivolto a noi quell’attacco.<br /><br /><br /><br /><br />Anche se – a leggere la titolazione di Vatican insider (“Dio perdoni chi mi strumentalizza”) – sembrerebbe quasi che a doversi vergognare non sia chi tortura Asia Bibi e la vuole uccidere, ma noi che non la dimentichiamo e non l’abbandoniamo.<br /><br /><br /><br /><br />Ora veniamo al contenuto cosicché possiamo valutare bene questo mirabolante scoop. Sono risposte a dir poco sorprendenti…<br /><br /><br /><br /><br />Ecco la prima domanda-risposta dell’intervista a Vatican insider:<br /><br /><br /><br /><br />“D. Asia, com'è la sua salute e quali sono le sue condizioni in carcere?<br /><br /><br /><br /><br />R. Mi sento piuttosto bene, sto bene nel nome di Cristo, per quello che può essere una vita in prigione. In carcere si prendono cura di me e mi trattano bene credo anche perché il mio caso è noto a livello internazionale”.<br /><br /><br /><br /><br />Si resta basiti. A leggere “Vatican insider” sembra quasi che Asia Bibi stia in un Hotel a 5 stelle.<br /><br /><br /><br /><br />Sarà vero? Giudicate voi.<br /><br /><br /><br /><br />Ecco come, a una domanda analoga, rispondeva, pochi giorni fa, personalmente, Sardar Mushtaq Gill, l’avvocato di Asia Bibi, intervistato in Italia da “Tempi”:<br /><br /><br /><br /><br />“D. Asia Bibi è pronta a scontare altri due anni di carcere?<br /><br /><br /><br /><br />R. Suo marito l’ha incontrata settimana scorsa e l’ha trovata molto depressa. Quando le hanno detto che l’Alta corte aveva rigettato l’appello si sentiva frustrata, non capiva e ha perso ogni fiducia nei giudici. Sta male anche fisicamente e inizia a manifestare qualche problema di ordine psicologico. La sua prigione purtroppo è peggiore delle altre.<br /><br /><br /><br /><br />D. Perché?<br /><br /><br /><br /><br />R. Per lei è un doppio supplizio. La prigione è già una punizione in sé ma lei è in isolamento, perché si teme che qualcuno possa assassinarla, come avvenuto in altri casi in carcere per gli accusati di blasfemia. La sua cella poi è piccolissima, non c’è luce naturale ed è molto buia”.</p><br /><br /><br /><br /><p>Obiettivamente la contraddizione è stridente, totale, assoluta.<br /><br /><br /><br /><br />Andiamo avanti.<br /><br /><br /><br /><br />Secondo Vatican insider, nell’intervista fatta pervenire da quella fondazione, Asia Bibi – che non ha una sola parola aspra per i suoi aguzzini – se la prenderebbe curiosamente con chi lotta per lei dicendo: “Chiedo a tutti coloro che stanno strumentalizzando il mio nome per i propri calcoli personali: per favore lasciatemi in pace”.<br /><br /><br /><br /><br />Che ve ne pare?<br /><br /><br /><br /><br />Questo singolare attacco (non si è mai vista una vittima, chiusa in una galera, prendersela con chi lotta per liberarla) è in totale contraddizione con quanto Asia Bibi stessa, pochi giorni fa, ha fatto pervenire al giornale francese Le Figaro e alle autorità di Parigi, tramite il marito Ashiq:<br /><br /><br /><br /><br />«Dalla mia piccola cella senza finestre i giorni e le notti si assomigliano, ma se ho ancora speranza è grazie a tutti voi. Il mio cuore si scalda ogni volta che Ashiq mi mostra le foto di persone che non conosco e che bevono un bicchiere d’acqua pensando a me».<br /><br /><br /><br /><br />«Ho saputo che la città di Parigi ci vuole – conclude Asia Bibi – e voglio ringraziare tutte le persone di Parigi e il sindaco. Voi siete la mia sola possibilità di non morire in fondo a questa cella di isolamento. Vi prego, non lasciatemi cadere. Non ho mai commesso un atto di blasfemia».<br /><br /><br /><br /><br />Ognuno può giudicare facilmente da se stesso...<br /><br /><br /><br /><br />Mi pare sensato che una condannata a morte si aggrappi a chi, fuori dal Pakistan, vuole liberarla.<br /><br /><br /><br /><br />Oltretutto anche nella stessa prima domanda-risposta di Vatican insider le si attribuiscono queste parole: “mi trattano bene credo anche perché il mio caso è noto a livello internazionale”.<br /><br /><br /><br /><br />Significherebbe che dunque è stato bene far conoscere il suo caso nel mondo. Quindi come può poi aver biasimato chi si batte per lei?<br /><br /><br /><br /><br />Anche il suo appello alle autorità francesi del resto è in totale contraddizione con quanto viene attribuito ad Asia Bibi da “Vatican insider” dove pare che essa chieda solo preghiere, quasi che fosse deplorevole attivarsi per la sua liberazione.<br /><br /><br /><br /><br />Ecco infatti la domanda-risposta finale su Vatican insider:<br /><br /><br /><br /><br />“D. Cosa vuol dire a Papa Francesco e ai cristiani in tutto il mondo?<br /><br /><br /><br /><br />R. A Papa Francesco e a tutti i cristiani del mondo dico: vi prego, ricordatevi di me nelle vostre preghiere”.<br /><br /><br /><br /><br />Non contenti di una simile surreale risposta, quelli di “Vatican insider” hanno voluto presentare l’intervista con un incipit del giornalista che, pretendendo di riassumere l’intervista stessa, scrive testualmente: “A Papa Francesco non chiede appelli pubblici ma preghiere”.<br /><br /><br /><br /><br />Ora, è pur vero che è un testo surreale, dove sembra che Asia Bibi parli come una villeggiante che cita continuamente la Bibbia, ma nemmeno in questa intervista lei arriva a dire che non vuole appelli pubblici del papa a suo favore.<br /><br /><br /><br /><br />Giudicate voi tutto questo...<br /><br /><br /><br /><br />Da parte mia questo è il mio pensiero: Povera Asia Bibi…. Nel giorno del giudizio più d’uno tremerà a sentir pronunciare il tuo nome dal supremo Giudice…

Print Friendly

Comments are closed.

 

Archivi



Flag Counter


143 Totale visite