Crea sito
29/03/2013 
Il Papa al Colosseo

IL PAPA AL COLOSSEO

Al Colosseo Francesco ringrazia Dio per la convivenza tra cristiani e musulmani

GIACOMO GALEAZZI
ROMA

"La convivenza tra cristiani e musulmani è segno di speranza".Dio non è rimasto in «silenzio» di fronte al male, ha risposto, la sua risposta è la croce, che vuol dire «misericordia, amore e perdono». «Anche i cristiani sono chiamati a rispondere al male con il bene».

Questa la riflessione ispirata a Francesco, nella sua prima via Crucis al Colosseo, dalle meditazioni composte da giovani libanesi. Dal Libano il Papa ha tratto l'esempio della testimonianza di convivenza tra musulmani e cristiani, un «segno di speranza», ha detto, visibile anche nel viaggio di Benedetto XVI in Libano, lo scorso settembre, durante il quale è nata l'idea di affidare ai ragazzi libanesi, coordinati dal patriarca maronita Boutros Rai, la stesura delle meditazioni. "In questa notte deve rimanere una sola parola, che è la Croce stessa- afferma Francesco in un Colosseo illuminato a giorno da luci e fiaccole-.La Croce di Gesù è la Parola con cui Dio ha risposto al male del mondo. A volte ci sembra che Dio non risponda al male, che rimanga in silenzio. In realtà Dio ha parlato, ha risposto, e la sua risposta è la Croce di Cristo: una Parola che è amore, misericordia, perdono". E’ anche giudizio: "Dio ci giudica amandoci. Se accolgo il suo amore sono salvato, se lo rifiuto sono condannato, non da Lui, ma da me stesso, perché Dio non condanna, Lui solo ama e salva". La parola della Croce, evidenzia Bergoglio, è anche "la risposta dei cristiani al male che continua ad agire in noi e intorno a noi".

I cristiani "devono rispondere al male con il bene, prendendo su di sé la croce, come Gesù". Francesco, da sempre vicino ai cristiani delle chiese orientali (è stato per 20 anni il loro ordinario in Argentina) ha voluto rendere loro omaggio al termine della Via Crucis le cui meditazioni sono state preparate da Gioia, Carlos e Marielle, con il Patriarca maronita Bechara Rai. «Questa sera – ha detto – abbiamo sentito la testimonianza dei nostri fratelli del Libano: sono loro che hanno composto queste belle meditazioni e preghiere. Li ringraziamo di cuore per questo servizio e soprattutto per la testimonianza che ci danno».

Il Pontefice ha aggiunto che questa testimonianza «abbiamo visto quando Benedetto è andato in Libano: abbiamo visto la bellezza e la forza della comunione dei cristiani di quella Terra e dell'amicizia di tanti fratelli musulmani e di molti altri. È stato – ha scandito – un segno per il Medio Oriente e per il mondo intero: un segno di speranza».

La condanna di Gesù fa emergere in filigrana quei molti "Pilato" che «tengono nelle mani le leve del potere e ne fanno uso al servizio dei più forti», denunciano le meditazioni lette questa sera al Colosseo nel corso della Via Crucis presieduta da Francesco. Il Pontefice ha seguito la sacra rappresentazione – che ricorda la passione di Gesù, dal processo davanti a Pilato fino alla crocifissione e alla morte sul Golgota –  da un gazebo posto sul Palatino, come hanno fatto negli ultimi anni i suoi predecessori.

Si sono alternati a portare la croce, per la prima e ultima stazione il vicario di Roma, Agostino Vallini, per la seconda e la terza due famiglie, una italiana e una indiana, per la quarta e la quinta un disabile, un barelliere e due suore dell'Unitalsi, per la sesta e la settima due seminaristi cinesi, per l'ottava e la nona due fratelli della Custodia di Terra santa, per la decima e undicesima due suore nigeriane e due libanesi, per la dodicesima e la tredicesima un ragazzo e una ragazza dal Brasile, dove il prossimo luglio si terrà la prima Gmg con papa Francesco. Il rito ha seguito lo schema classico in 14 stazioni. I testi sono stati letti dall'attrice Lina Sastri e dalla «voce» della Radiovaticana, Orazio Coclite. Dal pomeriggio migliaia di fedeli e turisti si erano affollati nei dintorni del Colosseo e sulle pendici del Palatino, così che all'imbrunire, quando sono state accese le fiaccole, lo scenario era come sempre di grande suggestione.

Nelle meditazioni si è evocato il fatto che Gesù, anziché ottenere giustizia, sia stato condannato da innocente, per compiacere la folla. «Nel nostro mondo contemporaneo – si è osservato – molti sono i `Pilato´ che tengono nelle mani le leve del potere e ne fanno uso al servizio dei più forti; molti sono coloro che deboli e vili davanti a queste correnti di potere, impegnano la loro autorità al servizio dell'ingiustizia e calpestano la dignità dell'uomo e il suo diritto alla vita».

Le diverse tappe di Gesù verso la morte hanno ispirato riflessioni e preghiere sulla morte e la vita, l'eutanasia, le necessità delle famiglie, le difficoltà delle persone, i fondamentalismi, le persecuzioni dei cristiani, il terrorismo.

«La vita ci è stata data in abbondanza – si è pregato – per non accontentarci più di una vita priva di bellezza e di significato».

Il vento ha spirato per tutta la sera, ma non ha scoraggiato la folla, composta di persone da vari paesi del mondo. Le parole del Papa sono state applaudite. Prima di lasciare il Palatino, papa Francesco ha salutato i lettori e alcune altre persone e ecclesiastici ammessi al baciamano.

Al peso della Croce che piega le spalle di Gesù si aggiunge quello del mondo che piega le sue spalle sotto il «laicismo cieco», che vuole soffocare la fede e la morale, o il «fondamentalismo violento che prende a pretesto la difesa dei valori religiosi».

Print Friendly

Comments are closed.

 

Archivi



Flag Counter


395 Totale visite